Laurent Binet Il cervello di Himmler si chiama Heydrich

11 settembre 2011
Scritto da: Mara Marantonio www.angolodimara.com

HHhH. Il cervello di Himmler si chiama Heydrich di Laurent Binet (Einaudi, 2011, pp. 342, €.20,00). Un giovane storico francese, Laurent Binet, ha scritto uno stupendo libro, a metà strada tra il saggio storico – assai documentato – e il romanzo autobiografico – profondo e suggestivo. L’opera, uscita in patria l’anno scorso per le Edizioni Grasset & Fasquel di Parigi, è valsa all’A. il “Prix Gouncourt du premier roman” 2010. Ora Einaudi lo fa conoscere al pubblico italiano con un titolo che riprende quello originario. Binet racconta che, quand’era adolescente, suo padre, storico a sua volta, gli parlò con grande partecipazione di un evento considerato come il colpo più importante realizzato dalla Resistenza europea: l’attentato, effettuato a Praga la mattina del 27 maggio 1942, che costò la vita a Reinhard Heydrich, Reichsprotektor (ad interim) di Boemia e Moravia dal 27 settembre 1941, il braccio destro di Heinrich Himmler; in realtà suo autentico ispiratore. L’attentato (chiamato significativamente in codice “Operazione Antropoide” per rimarcare ilfatto che l’individuo obiettivo dell’azione nulla aveva di umano, tranne l’aspetto) fu opera di due partigiani – il primo slovacco, il secondo ceco: Jozef Gabčik e Jan Kubiš – due paracadutisti inviati dalla Resistenza cecoslovacca in esilio -con sede a Londra- per uccidere colui che veniva soprannominato “La Bestia Bionda” o “il Boia di Praga”. Il piano aveva il totale appoggio del Governo britannico, guidato da Winston Churchill. Fino al giorno della sua uccisione (muore il successivo 4 giugno) tutti gli eventi più tragici per i quali i nazisti sono passati alla storia vedono Heydrich come protagonista o comunque in primo piano, donde la frase, nota tra le SS, che dà il titolo al libro. Hitler lo ammira e lo ritiene diverso da tutti gli altri che lo circondano; ma forse, inconsciamente, ne teme la smisurata ambizione e spregiudicatezza. Tra l’altro Heydrich era stato l’unico esponente del regime nazista di alto, anzi altissimo, livello, presente, il 20 gennaio di quell’emblematico anno, all’incontro, svoltosi in una grande villa posta in una località vicina a Berlino, Wannsee; incontro nel quale fu data piena attuazione alla Soluzione Finale, lo Sterminio del Popolo Ebraico, peraltro già in atto. La riunione, durata meno di un paio d’ore, ufficializzò, per così dire, il Genocidio. Il giovanissimo Laurent, appassionatosi alla vicenda grazie alle parole paterne, per molto tempo ha approfondito il tema, non trascurando alcun ambito di ricerca. Il frutto dell’impegno di tanti anni è quest’opera originale, dove l’Autore segue le vicende dei diversi attori e, soprattutto, condivide l’eroico sacrifico in nome della libertà di Gabčik e Kubiš, fino a seguirli idealmente nella cripta della Chiesa ortodossa dei S.S. Cirillo e Metodio (in Praga), dov’essi si rifugiano dopo l’attentato. Non li lascia mai, fino al tragico epilogo, quando, solo dopo ore e ore, 800 SS hanno la meglio su un gruppetto di 7 ardimentosi. Un omaggio a questi Eroi e ad una città molto amata, un contributo affascinante, da leggersi d’un fiato, dove Storia e Memoria si intrecciano grazie ad una originalissima opera di “contaminazione”.

Post letto 321 volte
Tags: , , , , , , ,

1 commento a “Laurent Binet Il cervello di Himmler si chiama Heydrich


Scrivi un commento



*




Segui questo link per ricevere nuovi post dal blog!