pronuncia giapponese
(Amélie Nothomb Stupore e tremori)

4 settembre 2010
Tempo di lettura: 30 secondi

Amélie Nothomb, Stupore e tremori (Guanda, 2006, € 7,50). «Mi vide ed esclamò: “Amélie-san!”. Lo disse in quel modo giapponese formidabile che consiste nel confermare l’esistenza di una persona lanciando nell’aria il suo nome» (pag. 110). Mi viene in mente una collega che non ha mai perdonato i suoi per averla chiamata come il fratello, solo una “a” di differenza. Conosco persone che nemmeno si chiamano, per nome. Soprannomi distratti. Cognomi distanzianti. Nomignoli che etichettano. Epiteti che distolgono. O nomi abbaiati che prendono la forma di un rimprovero. Com’è bello quel -san da attaccare per riguardo. Ricordo come mia nonna diceva Francesca: lo lanciava nell’aria e col tono ci attaccava un sorriso. Voglio esercitarmi in pronuncia di nomi alla giapponese.

Pubblicato su Donna Moderna n. 36, 2010

Post letto 537 volte
Tags: , ,

1 commento a “pronuncia giapponese
(Amélie Nothomb Stupore e tremori)”


Scrivi un commento



*




Segui questo link per ricevere nuovi post dal blog!