Novembre, tempo di open day:
scappate, genitori, scappate!

17 novembre 2018
IMG_5709
scritto da: Francesca Magni

NOVEMBRE, TEMPO DI OPEN DAY. I genitori si affollano nelle aule magne delle scuole. Capitanato dal/dalla dirigente, il corpo docente è in grande spolvero. Al posto d’onore il prof arguto e il gigione; ove l’età lo consenta, gli allievi migliori si prestano a testimoniare la bontà della scuola, immancabile la “quota DSA”: il/la dislessico/a assicura di trovarsi benissimo. Continua a leggere »

commenta »

Un libro (anche) sulla Libia da leggere adesso
(Hisham Matar Il ritorno )

4 agosto 2018

Scritto da: Francesca Magni

.

Hisham Matar, Il ritorno. Padri, figli e la terra fra di loro (Einaudi, 2017, po. 246 €19,50).

Da quando ho smesso di scrivere recensioni per un giornale e non sono più costretta ad annaspare nel mostruoso gorgo delle novità ingoiando acqua buona e cattiva non in egual misura, sono tornata al senso primigenio della lettura. Quello che fa di un lettore un cane che si muove a zigzag, il naso a terra, in cerca dei suoi personali tartufi. Del resto l’attualità dei libri è assai più longeva di quanto i magazzini bulimici delle case editrici vogliano farci credere e di quanto il loro vomitare titoli per ingurgitarne di nuovi ci condanni a pensare. E “il titolo del momento”, mediaticamente parlando, è un concetto governato da logiche troppo casualmente legate alla qualità perché abbia senso assecondarle. Ho letto Il ritorno di Hisham Matar a un anno dalla pubblicazione in Italia e a due dalla prima stampa inglese, ma sono convinta che sia esattamente adesso il momento di leggerlo, se non lo si è già fatto.
Continua a leggere »

commenta »

Memoria e memorie

20 luglio 2018
Scritto da: Francesca Magni

Quando mi accorsi che mia nonna iniziava a perdere la memoria, le chiesi di scrivere la sua storia. Lei ci si buttò con foga e allegria. Scriveva con una prosa personalissima e un piglio narrativo tutt’altro che banale. C’erano tracce della retorica insegnata a scuola negli anni del Fascio che il carattere asciutto di mia nonna aveva ripulito di ogni pomposità e che la sua arguzia condiva con un sapore quasi austeniano. Copiai sul computer per notti intere i diari vergati dalla sua calligrafia perfetta, mi esercitai in un virtuosismo di stampa a sedicesimi, che improvvisai componendo le pagine dritte e capovolte sul pavimento del soggiorno; portai i fascicoli fatti in casa da un rilegatore e ne feci poche copie di un volumetto dalle pagine cucite a filo che distribuii ai parenti. Si intitolava ‘Ruga Sciuca’, la via in cui era nata la nonna. Anni di dominazioni alternate austriache e francesi avevano lasciato traccia nella toponomastica e nel dialetto; ci mescoliamo anche senza volerlo, ci mescoliamo, è un destino a cui non possiamo opporci. Ci mescoliamo, è la nostra salvezza. Continua a leggere »

4 commenti »

Islanda day 10: bilanci e consigli

20 giugno 2018

Scritto da: Francesca Magni

Le balene, la Blue Lagoon, i pulcinella di mare! Le balene, gli iceberg, la cascata di Dettifoss e quella dove si cammina dietro! Il territorio vario ed estremo, desolato, verdissimo, i fumi bianchi che escono dalla terra! Le balene, i pulcinella di mare, il ghiacciaio azzurro, il muschio, la lava, le pozze di acqua calda!

Alla domanda “cosa vi è piaciuto di più di questo viaggio?”, le risposte arrivano una sopra l’altra, impossibile stabilire un ordine di preferenza delle cose viste. E anch’io che per tirare le somme amo stilare classifiche, resto avvinta da una massa di sensazioni senza gerarchia. Era un viaggio che non avevo sognato né immaginato e forse per questo è riuscito a conquistarmi senza riserve. Persino il tempo atmosferico, così estremo, ora mi pare parte non solo ovvia ma felice dell’assaporare questa terra del nord.

Cosa direste a chi vuole partire per l’Islanda?, chiedo ai miei compagni di viaggio.

“Coprirsi molto”, dice Luigi che voleva mettere in valigia solo un k-way, perché tanto è giugno.

“Assolutamente vedere le balene e vestirsi a cipolla” dice Costanza che più di due strati non ha mai messo, e regolarmente tremava.

“Portare scarpe più pesanti di quelle che avevo io”, dice Filippo.

Per lasciare a chi volesse partire anche qualche indicazione pratica, oltre alle nostre sensazioni (rappresentate nella foto sopra, scattata sulla collina alle spalle del geyser), ecco i pochi consigli che ci sentiamo di dare.
Continua a leggere »

2 commenti »

Islanda day 9: finale col botto (del geyser)

19 giugno 2018

Scritto da: Francesca Magni

In viaggio il senso del tempo ricalca quello delle fasi della vita. All’inizio, certi che tutto deve ancora venire, ci si accomoda nelle ore e nei giorni largheggiando senza sospetto o ansia di spreco. Ma via via che il viaggio si avvicina al termine, diventa urgente usare ogni minuto al meglio e la sensazione, più mentale che reale, è che non ci sia abbastanza tempo per tutto quello che si vorrebbe fare. È una specie di distorsione ottica che, nel viaggio come nella vita, rischia di consumarci in una tensione priva di fondamento. Perché se è vero che oggi è il nostro ultimo giorno intero in Islanda, è anche vero che a questa tappa avremmo dedicato una sola giornata anche se fosse stata all’inizio del viaggio. Dunque partiamo per il circuito d’oro con ottimismo; la lunga luce del lungo giorno ci sarà amica anche oggi. In più, per la prima volta da che siamo qui, cielo sereno e 13 gradi.
Continua a leggere »

3 commenti »

Islanda day 8: ghiaccio, acqua e una pessima idea

18 giugno 2018

Scritto da: Francesca Magni

Oltre gli entusiasmi per questa terra davvero unica, resta una verità che Luigi oggi ha deciso di dichiarare: “Col tempo siamo stati proprio sfigati”. E poiché le cose non si manifestano del tutto finché non le nomini, ecco che le nubi che coprivano il ghiacciaio decidono di scendere di quota avvolgendoci definitivamente nella nebbia. Visitiamo la laguna di iceberg a Jökulsarlon con il tempo peggiore che si possa immaginare. Visibilità scarsa, pioggia e un vento che trasforma i 7 gradi dell’aria in temperatura polare (e qui non si fa per dire). E se, nonostante ciò, resterà un ricordo memorabile, posso di sicuro consigliare a chi verrà in Islanda di non perdere questa tappa.
Continua a leggere »

commenta »

Islanda day 7: i piccoli iceberg

17 giugno 2018

Scritto da: Francesca Magni

Nella deliziosa casa “a formaggino” purtroppo si è dormito poco a causa dei ragazzi in ansia per le pagelle di oggi. In piena luminosa notte uno vagava vicino al fiume e l’altra faceva scricchiolare incessantemente il letto in legno. La mattina, usciti finalmente i quadri dei voti e promossi entrambi con formula piena, festeggiamo con colazione vista fiume e ce la prendiamo comoda: ormai qui è un po’ casa nostra.

Continua a leggere »

commenta »

Islanda day 6: i pulcinella di mare e il mostro del fiume

16 giugno 2018

Scritto da: Francesca Magni

Ogni sera dopo che ho scritto il post i miei compagni di viaggio vogliono che glielo legga. Rivivono la giornata, ridono, criticano. Filippo dice che mitizzo, Costanza che uso parole vecchie e Luigi protesta che gli faccio fare la figura dello scemo. Ma il racconto è di chi scrive e ogni viaggio – in senso lato – è il racconto che ne facciamo. Non esistono fatti ma storie, come dice Elizabeth Strout. E oggi vi dirò della cascata più grande d’Europa e della più grande inzuppata di sempre.
Continua a leggere »

commenta »

Islanda day 5: freddo freddo freddo e ancora freddo

15 giugno 2018

Scritto da: Francesca Magni

Gli accadimenti si dividono in due categorie, quelli che su cui puoi agire e che sta a te modificare e quelli a cui ti devi adattare. Il tempo atmosferico appartiene alla seconda categoria ed è per questo che non sono mai stata appassionata di previsioni meteo: mi mettono inutilmente di fronte alla mia impotenza. Al bello come alle intemperie in genere mi consegno con rassegnazione, soffrendo anche un po’ i perenni lamentatori del “Che caldo”, “Che freddo”. Va da sé poi che in un viaggio programmato con mesi d’anticipo il tempo atmosferico sia una sorpresa irreparabile.
Continua a leggere »

commenta »

Islanda day 4: il salto della balena e il pesce con due vite

13 giugno 2018

Scritto da: Francesca Magni

La giornata di ieri si è conclusa con un bagno nella vasca in pietra di Grettislaug, lungo il famoso Skagafjordur e sotto nuvole di tempesta. Dall’acqua solfurea che ribolle caldissima si esce rigenerati, si smette di percepire il freddo come tale perché la pelle prova una sensazione che non ha più strettamente a che fare con la temperatura ma con un indefinibile contagio di energia.
Continua a leggere »

commenta »