Federico Tavola Ucciderai corrotti e infedeli

21 maggio 2013
Scritto da: Francesca Bogani

Federico Tavola Ucciderai corrotti e infedeli (Mursia, 2013, € 16,00, pp. 236). Dire che questo è un giallo è riduttivo. Forse un romanzo criminale è più appropriato, ma è anche la descrizione del nostro presente, dove un romanzo rispecchia tanta realtà. La scrittura è accattivante e fin da subito trasporta nel “mondo” in cui è ambientata la storia. Milano è descritta con realismo e un amore che filtra tra le parole.

L’indagine è un pretesto per raccontare una parte della realtà in cui viviamo. La politica corrotta, i movimenti estremisti con la loro intolleranza che può essere facilmente usata, le strumentalizzazioni possibili, i vari credo religiosi o politici, che nelle loro forme perverse possono portare alla rovina o alla morte.
Un bel romanzo, con tanti spunti e un fondo di visione ottimistica, nonostante tutto, che viene soprattutto dalle relazioni umane positive, dai rapporti di stima e affetto tra le persone più diverse.
Ho scoperto questo autore un po’ per caso. Ed è stata una piacevole scoperta.
Prima di questo romanzo ho letto il primo libro di Federico Tavola “Che bella vita”. Entrambi mi sono decisamente piaciuti e li consiglio a chi ama il genere e a chi ha voglia di un po’ di realtà romanzata.

Post letto 373 volte
Tags: , , , ,

1 commento a “Federico Tavola Ucciderai corrotti e infedeli


Scrivi un commento



*


Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.



Segui questo link per ricevere nuovi post dal blog!