l’arte di fare il ‘punto nave’ ovvero: se ti piace Anne Tyler leggi Maggie O’Farrell (Istruzioni per un’ondata di caldo)

22 luglio 2015

Maggie O’Farrell, Istruzioni per un’ondata di caldo (Guanda, 2013, traduzione di Valeria Bastia, € 18,50, pp. 309. Ho comprato questo libro quando è uscito, due anni fa, guidata dall’istinto; nessuno me ne aveva parlato, la quarta di copertina annuncia una storia di famiglia, la trama è ininfluente, come spesso accade in affreschi del genere. Qui conta la forza della pennellata, la scrittura che dà corpo a persone, gesti, relazioni. Maggie O’Farrell quella forza ce l’ha tutta, potrebbe essere ‘figlia’ di Anne Tyler – anche in senso anagrafico. E il fatto che io abbia ripescato il suo romanzo proprio dopo aver letto Anne Tyler e giusto prima di partire per l’Irlanda, Paese di cui la O’Farrell è originaria e di cui la storia porta il peso, conferma che i libri hanno un loro sapere segreto, giocano con noi (forse se la ridono anche). Aggiungete che Istruzioni per un’ondata di caldo è ambientato nell’estate del 1976, soffocante quanto questa del 2015, e diventa difficile ignorare i ‘segni’… Questo era proprio il libro da leggere a-d-e-s-s-o! Continua a leggere »

commenta »

per chi non sa più cosa leggere dopo Stoner: Anne Tyler Una spola di filo blu

10 luglio 2015

Anne Tyler, Una spola di filo blu (Guanda, 2015, traduzione di Laura Pignatti, € 18,50, pp. 391). Di recente su Facebook qualcuno si chiedeva cosa leggere dopo Stoner. Dopo Stoner, ho passato lunghi periodi di inappetenza – leggevo, sì, ma di malavoglia e senza che nulla colpisse il bersaglio. Finché mi è giunta in soccorso Anne Tyler. Una spola di filo blu è il romanzo che vorresti leggessero (subito!) tutte le persone attorno a te, solo per poterne parlare fino allo sfinimento, ammesso che sia possibile esserne sfiniti.

Continua a leggere »

1 commento »

vi presento Achille Petrosi, Maestro di scacchi… in giallo!
(Paolo Fiorelli Pessima mossa, Maestro Petrosi)

9 luglio 2015

Paolo Fiorelli, Pessima mossa Maestro Petrosi (Sperling & Kupfer, 2015, € 17,90, pp. 312). Lo dico o non lo dico? Me lo chiedo da quando ho saputo che il 16 giugno sarebbe uscito il primo romanzo di Paolo Fiorelli, Pessima mossa, Maestro Petrosi: lo dico o non lo dico che siamo amici? In questo blog ho sempre seguito una regola, scrivere recensioni libere e al di sopra di ogni sospetto. Mia nonna, inflessibile donna lombarda convinta che elogiare parenti stretti e amici cari fosse peccato di vanità quanto parlar bene di sé, avrebbe sconsigliato di rendere a un amico il ‘cattivo servizio’ di una recensione sospettabile di parzialità. D’altra parte Pessima mossa, Maestro Petrosi è un gran bel giallo che merita di farsi strada fra i troppi libri in libreria, Continua a leggere »

1 commento »

Momenti di trascurabile infelicità

21 marzo 2015

(null)

Francesco Piccolo Momenti di trascurabile infelicità (Einaudi 2015, € 13, pp. 140). È sabato mattina del primo giorno di primavera, sul presto; in un bar di viale Jenner un cinese mi prepara un cappuccino annacquato e nel locale pieno di tavoli vuoti proprio all’estremità del mio si siedono due arabi con quel tipo di barba che se ce l’ha un europeo lo chiami hipster e se ce l’ha un arabo pensi che stia andando a fare un attentato, magari proprio dopo aver bevuto il cappuccino annacquato del cinese; Continua a leggere »

1 commento »

l’abbandonologa e l’arte di non darla vinta al tempo (Carmen Pellegrino Cade la terra)

23 febbraio 2015

Carmen Pellegrino Cade la terra (Giunti, 2015, €14, pp. 220).

C’è un paese abbandonato nel Cilento o giù di lì, uno dei tanti che vedi aggrappati alle montagne quando attraversi l’Italia – Fresa Grandinara, mi viene in mente, fra l’Abruzzo e il Molise (che forse abbandonato non è ma lo immagino così), e ognuno di noi potrebbe dire un nome diverso, visto e rivisto in corsa dall’autostrada. E in questo paese Estella, l’ultima caparbia abitante, ha scelto di restare.

Continua a leggere »

3 commenti »

il libro che ha fatto impazzire mia figlia 11enne (Susan Kreller Un elefante nella stanza)

20 dicembre 2014

Susan Kreller Un elefante nella stanza (Il Castoro, 2014, € 15,50, pp. 287, traduzione di R. Magnaghi). Da qualche sera la scena è la stessa, lei va a letto a leggere e non c’è verso di farle spegnere la luce. La vigilia dell’ultimo giorno di scuola prima delle vacanze, l’ho lasciata fare e a mezzanotte è comparsa: gli occhi caldi, le guance in fiamme, «Troppo bello» è l’unica cosa che è riuscita a dire nell’emozione del libro appena finito.

Continua a leggere »

commenta »

al Premio Scerbanenco io voto
Giovanni Ricciardi, Il dono delle lacrime

23 novembre 2014


Scopro che Il dono delle lacrime di Giovanni Ricciardi (Fazi, 2014, pp. 188, € 12,90) è candidato al premio Scerbanenco, lo Strega del giallo, per intenderci. Sono felice di dare il mio voto [se volete farlo anche voi – una giuria popolare concorre alla selezione dei 5 finalisti su 25 candidati – avete tempo fino alla mezzanotte del 28 novembre, basta registrarsi qui: richiede un paio di passaggi e un numero di carta d’identità, ma è facile e senza intoppi]. Ma mi accorgo con dispiacere che tra le tante recensioni rimaste nel cassetto c’è proprio questa…

Continua a leggere »

commenta »

un geniale ‘giallo amoroso’ che piacerà
ai fan di Daniel Glattauer
(Eric-Emmanuel Schmitt Elisir d’amore)

4 novembre 2014

Eric-Emmanule Schmitt Elisir d’amore (edizioni e/o € 14,50, pp. 126). «Quando si incontrano vecchie coppie sposate i cui corpi sono meno assetati di voluttà pensiamo che l’abitudine abbia inaridito il desiderio, ma temo che si tratti di un prosciugamento più profondo: l’effetto elimina l’ardore. Più il legame cresce, più si stacca dall’epidermide. Che insidioso tradimento! Mentre l’attrazione porta gli amanti a coccolarsi, baciarsi e unirsi, l’affetto reciproco esclude poco a poco il contatto. L’amore arriva attraverso la carne, poi la scarta».

Continua a leggere »

5 commenti »

Le mie giornate? Un meccanismo
di Heath Robinson…

2 novembre 2014

Quando ho aperto Macchine e invenzioni bizzarre di William Heath Robinson (Elliot, € 19,50, pp. 93) sono scoppiata a ridere: ma questa è la mia vita, ho pensato! Ogni mia giornata sembra una macchina di Heath Robinson… Tra le magie che i libri sanno produrre c’è quella di mostrarti ciò che stai vivendo in modo inatteso e ironico. Un po’ come certi sogni, quando l’inconscio sfodera il suo sense of humour per riassumere qualcosa che ti tormenta e, mostrandotelo in un’immagine folgorante, ti aiuta a prenderne coscienza (e – si spera – a venirne a capo).

Continua a leggere »

commenta »

che bello ascoltare un libro!
(Jane Austen Ragione e sentimento)

12 ottobre 2014

Ci sono momenti in cui la testa è in modalità output, i pensieri vanno da dentro a fuori, il lavoro che mangia ossigeno. Non c’è spazio per gli input, nemmeno leggere un libro. Ma l’addiction al piacere della lettura chiede soddisfazione, e allora tiro fuori un audiolibro. Jane Austen, Ragione e sentimento letto da Paola Cortellesi (Emons Audiolibri). In macchina, andata e ritorno dal lavoro, 20+20 minuti di sacro rapimento. Ascolto-una-storia-letta-ad-alta-voce. Una magia che solo nell’infanzia è data, e non a tutti.

Continua a leggere »

5 commenti »