una donna che sa accogliere il buio
(Christa Wolf Cassandra)

20 maggio 2011

xxx

Tempo di lettura: 30 secondi

Christa Wolf, Cassandra (e/o, 2009, € 8,00). Da piccola vedevo questo libro stazionare sul comodino di mia zia. Di recente è stato riedito: per la 23ª volta. Ma non mi sono decisa finché non è stata un’amica a passarmelo: parlavamo di uomini, del loro bisogno di azioni e di trionfi; incapaci di accettare che in certi momenti della vita viene buio e non c’è azione possibile. Come siamo diverse noi, dicevamo. Allora lei mi ha dato il libro, aperto a pagina 165. È Cassandra che parla: «Voglio vedere questa luce ancora una volta. La luce che vedevo in compagnia di Enea. La luce dell’ora che precede il tramonto. Quando ogni oggetto comincia a brillare autonomamente e a porre in risalto il colore che è suo. Enea diceva: per riaffermarsi ancora una volta prima della notte. Io dicevo: per consumare fino in fondo ciò che resta della luce e del calore e poi accogliere il buio e il gelo dentro di sé». Ho letto due volte di seguito la storia intensa e infelice di questa donna. Ora Cassandra abita sul mio comodino.

xxx

(Pubblicato su Donna Moderna n. 21, 2011)

xxx

xxx

Post letto 1361 volte
Tags: , , , ,

5 commenti a “una donna che sa accogliere il buio
(Christa Wolf Cassandra)”


Scrivi un commento



*


Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.



Segui questo link per ricevere nuovi post dal blog!