piangere, ridere, rinascere
(Lucia Extebarría Una donna in bilico)

18 gennaio 2011
Tempo di lettura: 30 secondi

Lucia Extebarría, Una donna in bilico (Guanda, 2006, € 16,50). «Mi resi conto che non possiamo sforzarci tutta la vita di essere come vorrebbero i nostri genitori ma neanche dare loro la colpa per essere diventati le persone che siamo» (pag. 385). Eva, la protagonista di questo romanzo insieme denso e leggero, è una giovane donna con molte risorse e altrettanto dolore accumulato dall’infanzia. Beve troppo e si innamora di uomini sbagliati  che la fanno soffrire. Però è anche piena di vitalità e la fortuna (che, sì, esiste per tutti) le fa incontrare un uomo diverso, da cui ha una bambina. La maternità è un tunnel, Eva ne esce nuova. E la sua storia ha un po’ l’effetto di una psicoterapia concentrata: fa piangere, ridere e rinascere anche noi.

(Pubblicato su: Donna Moderna n. 3, 2011)

Post letto 714 volte
Tags: , ,

1 commento a “piangere, ridere, rinascere
(Lucia Extebarría Una donna in bilico)”


Scrivi un commento



*




Segui questo link per ricevere nuovi post dal blog!