Richard Powers Il tempo di una canzone

7 novembre 2010

Scritto da: Adele D’Amato

Uccello e pesce possono innamorarsi? No, secondo il sentire comune dell’America a ridosso della seconda guerra mondiale, intrisa di razzismo fino alle ossa. Eppure è quello che accade ai due capostipiti e protagonisti del libro di Richard Powers, Il tempo di una canzone (Mondadori, 2006, € 23,00). Lui è un fisico ebreo tedesco che ha lasciato la famiglia in Europa, lei un’infermiera di colore che studia canto. Si incontrano nel 1939 al Lincoln Memorial di Washington durante un famoso concerto della prima cantante lirica di colore, Marion Anderson, e lì si innamorano. Decidono di sposarsi, nonostante la contrarietà di tutti, perché “non credono nella razza”. I tre figli nati da questo sogno non sono né pesce né uccello, sono “unici”. La loro vita permeata  in ogni momento dal canto e dalla musica – elementi collanti in questa famiglia sui generis – non sarà facile. L’apartheid, il razzismo e la bomba atomica, l’assassinio di Kennedy, le marce di Martin Luther King, la guerra fredda,  le pantere nere. I tre figli attraverseranno un secolo di storia americana con il loro fardello di “razza a sé”, ognuno vivendo in modo diverso la propria vita e scegliendo, sia pure inconsapevolmente, una comunità di appartenenza, fra bianchi e neri. Non sarà semplice imparare a destreggiarsi nella vita, non essere né uccello né pesce ed il sogno dei genitori si rivelerà un fallimento. Il finale del libro, inaspettato, lascia però qualche spiraglio di ottimismo. Il padre morente lancerà un messaggio alla amata figlia ribelle, che lo ritiene responsabile di aver creduto in qualcosa di irrealizzabile e di essere stato la causa principale della morte della madre:  “…c’è una diversa lunghezza d’onda per ogni direzione in cui si punta il telescopio”.
Un libro davvero bellissimo, intenso, corale. Per chi ha apprezzato Underground di Don De Lillo ed il grande Philip Roth di Pastorale americana.

Post letto 668 volte
Tags: , , , ,


Scrivi un commento



*


Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.



Segui questo link per ricevere nuovi post dal blog!