Rebecca West e il femminismo

23 novembre 2010

Da tempo conservo questa folgorante frase di Rebecca West: «Io stessa non sono mai riuscita a capire che cosa significhi con precisione femminismo. So soltanto che mi definiscono femminista tutte le volte che esprimo sentimenti che mi differenziano da uno zerbino o da una prostituta» (da Mr Chesterton in Hysterics, 1913). Di Rebecca West (1892-1983) c’è ben poco di tradotto in italiano, ma ora esce Trilogia degli Aubrey (Mattioli 1885, traduzione di Francesca Frigerio, € 60,00), un cofanetto che raccoglie tre romanzi, La famiglia Aubrey, Proprio stanotte e Rosamund, fortemente autobiografici. Rebecca West, che in realtà si chiamava Cecily Isabel Fairfield, è stata storica, giornalista, critica letteraria e per un breve periodo anche attrice, e femminista atipica perché anti-ideologica e super individualista. Le parole che vi ho citato sopra risalgono a circa cento anni fa. Potremmo scriverle oggi.

Post letto 1025 volte
Tags: , ,


Scrivi un commento



*




Segui questo link per ricevere nuovi post dal blog!