formiche periferiche

30 settembre 2010
Scritto da: Piero Bertolotto

Liliana Guerriero, Formiche periferiche (Statale11, 2009, €14,00). «Ci sono anni tutti uguali che si confondono nella memoria, e attimi così densi che possono essere vissuti solo dopo, quando si ha il tempo di riviverli. Sono gli attimi “senza fine” di una vecchia canzone. Attimi pieni di cose, alcune previste, altre no. La pistola, ad esempio: era nel programma, aveva un ruolo da protagonista nel gesto del congedo finale» (pag 166). Questo è il brano di un noir intriso di ironia, dove la protagonista è una donna che ha perso il lavoro e, nei suoi tentativi di ricostruirsi una vita, si innamora di un uomo misterioso che somiglia in modo impressionante a Robert Mitchum. A tenerle compagnia solo un gatto, un manichino e una colonia di formiche che si sono insediate in casa sua. Un libro che piacerà soprattutto agli amanti del vecchio cinema in bianco e nero.

Post letto 1293 volte
Tags:


Scrivi un commento



*


Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.



Segui questo link per ricevere nuovi post dal blog!